Uno specialista in medicina del nuoto ed attività subacquee, per tutti coloro che amano il mare ed i suoi misteri.

mercoledì 16 ottobre 2019 [OnL:29]
 
DocumentiL'esperto rispondeEventiGlossarioSuggerimenti per la lettura
Primo soccorsoNormativaAnimali marini pericolosiCamere iperbariche
Agenzie didatticheAlbum fotograficiMercatinoSuggerimenti per le vacanzeSiti interessanti
RegistrazioneCollegamentoGuestbookMappa del sitoNovità degli ultimi 7 giorni
Vai a
Indice

Primo soccorso

Come ridurre il rischio di incidenti in immersione


Concetti generali:

  • Essere ben allenati
  • Fare attività fisica il giorno precedente l’immersione
  • Evitare l’attività fisica subito prima dell’immersione
  • Essere ben idratati
  • Essere ben protetti dal punto di vista termico
  • Effettuare immersioni entro le nostre capacità tecniche
  • Valutare le nostre condizioni fisiche del momento
  • Valutare bene le condizioni meteo-marine
  • Pianificare correttamente l’immersione
  • Predisporre un piano alternativo qualora fosse impossibile portare a termine l’immersione così come era stata progettata in precedenza
  • Disporre di attrezzatura adeguata per quel tipo di immersione. L’attrezzatura deve essere sottoposta anche ad adeguata manutenzione e ben conosciuta da chi la usa.
  • Utilizzare una quantità adeguata di zavorra
  • Adottare costantemente il sistema di coppia. Ricordarsi che questo inizia già sulla barca durante i preparativi e termina di nuovo sulla barca a immersione finita.
  • Immergersi e risalire sempre lungo una cima collegata alla barca o a un palloncino segna sub

In immersione tenere la seguente condotta:

  • Scendere velocemente
  • Non uscire dalla curva di sicurezza
  • Non fare immersioni yo-yo (cioè non arrivare al limite della curva di sicurezza per poi
    risalire un poco e attendere nuovamente di raggiungere tale limite per poi risalire ancora un pò, ma rimanere sempre a circa l’80% del limite di sicurezza)
  • Non fare immersioni saliscendi
  • Non fare immersioni con profilo inverso (le ultime teorie hanno in parte rivisto questo concetto)
  • Evitare di effettuare immersioni ripetitive per più giorni di seguito
  • Fare una tappa profonda (deep stop) a una profondità corrispondente a una pressione che sia la metà della pressione massima raggiunta, in altre parole a metà della profondità massima meno 5 metri.
  • Risalire con velocità controllata di massimo 10 metri al minuto e, dopo il deep stop, tenere una velocità di 3 metri al minuto
  • Evitare immersioni con tempo di risalita maggiore di 30 minuti
  • Non fare immersioni ripetitive con intervallo di superficie inferiore a 2 ore
  • Non consumare oltre 4000 litri di aria

Dopo l’immersione:

  • Non fare attività fisica
  • Non fare apnea
  • Non esporsi troppo al sole e al caldo
  • Bere molto

© Questo sito utilizza la Licenza Creative Commons. Scrivici Segnala il sito Firma il guestbook Mappa del sito